Scheda programma d'esame
TIPOLOGIA DEL TESTO LETTERARIO
FRANCESCA FEDI
Anno accademico2022/23
CdSITALIANISTICA
Codice1156L
CFU6
PeriodoSecondo semestre
LinguaItaliano

ModuliSettoreTipoOreDocente/i
TIPOLOGIA DEL TESTO LETTERARIOL-FIL-LET/10LEZIONI36
FRANCESCA FEDI unimap
Obiettivi di apprendimento
Learning outcomes
Conoscenze

Alla fine del corso lo studente dovrà avere acquisito la conoscenza:

  • del contesto storico-culturale in cui si colloca la produzione lirica dei principali autori italiani tra la fine del Settecento e i primi tre decenni dell’Ottocento;
  • delle caratteristiche specifiche di alcuni testi letterari e contributi critici inerenti alla cosiddetta polemica tra Classicisti e Romantici;
  • delle linee di sviluppo dell’attività letteraria nell’Italia del primo Ottocento.

 

 

 

Knowledge

By the end of the course the student will have acquired knowledge

  • of the historical and cultural context of the production of the main Italian authors between the end of the eighteenth century and the first three decades of the nineteenth century
  • of the specific characteristics of some literary texts and critical contributions inherent to the so-called polemic between Classicists and Romantics;
  • of the lines of development of literary activity in early 19th century Italy.

 

Modalità di verifica delle conoscenze

Alla fine del corso tutti gli studenti frequentanti saranno invitati a presentare – prima in forma orale, poi per iscritto – un breve intervento su un argomento inerente al programma del corso. Nell’esame finale, oltre a discutere la relazione scritta, ciascun studente dovrà dimostrare di avere acquisito i contenuti del corso e assimilato i metodi proposti di analisi critica e metrico-stilistica.  

Assessment criteria of knowledge

At the end of the course all attending students will be invited to present - first orally, then in writing - a short paper on a topic related to the course programme. In the final exam, in addition to discussing the written report, students will have to demonstrate that they have acquired the course content and assimilated the proposed methods of critical, content-related and formal analysis. 

Capacità

Alla fine del corso gli studenti saranno in grado di:

  • comprendere, parafrasare e illustrare criticamente i testi oggetto del corso;
  • contestualizzare i testi nel dibattito contemporaneo e nell’opera complessiva dei rispettivi autori;
  • padroneggiare il lessico critico;
  • esporre oralmente e in forma scritta, in modo corretto e perspicuo, le loro osservazioni sugli autori e/o i testi prescelti per i rispettivi approfondimenti;
  • orientarsi nella bibliografia critica relativa all’argomento del corso.
Skills

By the end of the course, students will be able to:

  • understand, paraphrase and critically illustrate the texts covered by the course;
  • contextualise the texts in the contemporary debate and in the overall work of the respective authors;
  • master the critical vocabulary;
  • express orally and in written form, in a correct and perspicuous manner, their observations on the authors and/or texts chosen for their respective in-depth studies;
  • orientate themselves in the critical bibliography relating to the course topic.
Modalità di verifica delle capacità

Gli studenti dovranno esporre (oralmente e per iscritto) la loro ricerca su un argomento scelto in una rosa di proposte e mostrare di averlo affrontato con l'appoggio di un'adeguata bibliografia critica. Dovranno esprimersi in modo corretto, facendo uso di un lessico adeguato e di categorie critiche ben definite.

Assessment criteria of skills

Students must present (orally and in writing) their research on a topic chosen from a shortlist and show that they have addressed it with the support of an adequate critical bibliography. They will have to express themselves correctly, using an adequate vocabulary and well-defined critical categories.

Comportamenti

Ci si aspetta che gli studenti acquisiscano una buona capacità di esprimere oralmente e in forma scritta i loro giudizi, padroneggiando il lessico settoriale e mostrando consapevolezza del dibattito critico. Dovranno saper esporre la loro ricerca e discuterne i risultati con la docente e i partecipanti al seminario. Dovranno orientarsi in modo autonomo nella scelta delle edizioni di riferimento e usare correttamente e consapevolmente gli strumenti informatici di ricerca.

Behaviors

Students are expected to acquire a good ability to express their judgments orally and in written form, mastering the field vocabulary and showing awareness of critical debate. They should be able to expound their research and discuss their findings with the lecturer and seminar participants. They will be expected to orient themselves independently in their choice of reference editions and to use computer research tools correctly and consciously.

Modalità di verifica dei comportamenti

Verifica orale durante le lezioni, al momento della presentazione delle singole ricerche nel seminario conclusivo, attraverso la correzione dei lavori scritti e in sede di colloquio con la docente.

 

Assessment criteria of behaviors

Oral verification during lectures, at the time of presentation of individual research papers in the concluding seminar, through correction of written work and in interview with the lecturer.

Prerequisiti (conoscenze iniziali)

Conoscenza delle caratteristiche fondamentali (metriche, retoriche, narratologiche ecc.) dei testi letterari della tradizione italiana.

Conoscenza almeno a grandi linee della storia dell'attività letteraria in Italia.

Prerequisites

Knowledge of the fundamental characteristics (metrical, rhetorical, narratological, etc.) of literary texts in the Italian tradition.

Knowledge, at least in broad terms, of the history of literary activity in Italy.

Indicazioni metodologiche

Il corso (impartito in italiano) comprende 36 ore di lezione frontale e un seminario conclusivo, in cui gli studenti presenteranno al gruppo e alla docente la loro breve ricerca.

In appoggio alle lezioni frontali la docente predisporrà slides che saranno messe a disposizione sulla piattaforma moodle, insieme ad altri materiali didattici.

Teaching methods

The course (given in Italian) comprises 36 hours of lectures and a concluding seminar in which students will present their short research project to the group and the lecturer.

In support of the lectures, the lecturer will prepare slides that will be made available on the moodle platform, together with other teaching materials.

Programma (contenuti dell'insegnamento)

Il corso si propone di riesaminare criticamente, aggiornandola al dibattito recente, l’annosa e per molti aspetti ‘oziosa’ (così nella definizione di Foscolo) questione della polemica classico-romantica, inaugurata ufficialmente dalla Lettera sopra la maniera e l'utilità delle traduzioni pubblicata da M.me de Staël nel primo numero della rivista milanese «Biblioteca Italiana» (gennaio 1816). L’obiettivo è quello di analizzare le varie tipologie alle quali si possono ricondurre i testi cardine della polemica, esaminando gli interventi apparsi sulle riviste letterarie, affidati a lettere private, a testi prefatori o esperimenti traduttivi.

 

 

Syllabus

The course aims to critically re-examine, bringing it up to date with the recent debate, the age-old and in many respects 'idle' (in Foscolo's definition) question of the classical-romantic polemic, officially inaugurated by the Lettera sopra la maniera e l'utilità delle traduzioni published by M.me de Staël in the first issue of the Milanese journal 'Biblioteca Italiana' (January 1816). The aim is to analyse the various typologies to which the pivotal texts of the polemic can be traced, by examining the contributions that appeared in literary journals, private letters, prefatory texts or translation experiments.

Bibliografia e materiale didattico

Bibliografia di riferimento

TESTI

  1. G. Berchet, Lettera semiseria, in Idem, Lettera semiseria. Poesie, a cura di A. Cadioli, Milano, Mursia, 1992; oppure nell’edizione a cura di M. Montanile, Salerno, Edisud, 2016;
  2. P. Borsieri, Avventure letterarie di un giorno, a cura di W. Spaggiari, Modena, Mucchi, 1986;
  3. U. Foscolo, Essay on the present literature of Italy, in Id., Opere, a cura di F. Gavazzeni, Milano-Napoli, Ricciardi, 1974-1981, tomo II, pp. 1403-1562.
  4. P. Giordani, Panegirico ad Antonio Canova, ed. critica e commentata a cura di G. Dadati, introduzione di F. Mazzocca, Piacenza, TipLeCo, 2008.
  5. G. Leopardi, Lettera ai compilatori della “Biblioteca Italiana”, in Opere, Milano, Mondadori, vol. II (Prose) a cura di R. Damiani, 1988; oppure in Idem, Tutte le opere, a cura di W. Binni ed E. Ghidetti, Firenze, Sansoni, 1969, vol. II, pp. 876-882.
  6. G. Leopardi, Discorso di un italiano intorno alla poesia Romantica, a cura di O. Besomi et alii, Bellinzona, Casagrande, 1988; oppure in Idem, Poesie e prose, Milano, Mondadori, vol. II (Prose) a cura di R. Damiani, 1988.
  7. A. Necker de Staël, Lettera sulla maniera e la utilità delle traduzioni, in Manifesti romantici e altri scritti della polemica classico-romantica, a cura di C. Calcaterra e M. Scotti, Torino, Utet, 1979, pp. 79-92.
  8. E. Visconti, Idee elementari sulla poesia romantica, in Manifesti romantici e altri scritti della polemica classico-romantica, a cura di C. Calcaterra e M. Scotti, Torino, Utet, 1979, pp. 577-637.

SAGGI CRITICI

  1. L.M. Crisafulli (ed.) Immaginando l'Italia: Itinerari letterari del romanticismo inglese, Bologna, Clueb, 2002 (dove si vedano almeno i saggi di Crisafulli, Domenichelli, Havely)
  2. G. Barbarisi e A. Cadioli (a cura di), Idee e figure del Conciliatore (Atti del convegno Gargnano del Garda, 25-27 settembre 2003), Milano, Cisalpino, 2004.
  3. R. Abbaticchio, Sulla maniera e l’utilità€ delle traduzioni: spunti di riflessione dalla “Biblioteca Italiana”, in Traduzioni letterarie e rinnovamento del gusto: dal Neoclassicismo al primo Romanticismo, atti del convegno internazionale (Lecce-Castro 15-18 giugno 2005), a cura di B. Stasi, Congedo, Galatina 2006, vol. II, pp. 283-290.
  4. G. Sparacello, Il teatro romantico nel Conciliatore e nella Biblioteca italiana, in «Revue des études italiennes», 52, 3–4 (luglio-dicembre 2006), pp. 163–80.
  5. Cardini, Classicismo e modernità: Monti, Foscolo, Leopardi, Firenze, Polistampa, 2010.
  6. G. A. Camerino, Manzoni e altre questioni romantiche (in memoria di Giorgio Petrocchi), in «Critica letteraria», 153, 4, 2011, pp. 670-681.
  7. J. Luzzi, Il romanticismo italiano e l’Europa. Fantasia e realtà nell’immaginario occidentale, Roma, Carocci, 2012.
  8. A. Camilletti, Classicism and Romanticism in Italian Literature: Leopardi’s Discourse on Romantic Poetry, London, Pickering & Chatto, 2013.
  9. P. Borsa e C. Del Vento, Foscolo, Manzoni e la cerchia di Byron: la prima ricezione inglese della Ricciarda e del Carmagnola, in «Cahiers d’Etudes Italiennes», vol. 20, 2015, pp..139-154.

Bibliografia specifica:

una bibliografia personalizzata sarà individuata e proposta agli studenti interessati a sostenere l’esame con la modalità seminariale (v. sotto), e sostituirà in parte quella generale sopra indicata.

Bibliography

Reference Bibliography

TEXTS

  1. G. Berchet, Lettera semiseria, in Idem, Lettera semiseria. Poesie, ed. by A. Cadioli, Milano, Mursia, 1992; or the edition ed. by M. Montanile, Salerno, Edisud, 2016;
  2. P. Borsieri, Avventure letterarie di un giorno, ed. by W. Spaggiari, Modena, Mucchi, 1986;
  3. U. Foscolo, Essay on the present literature of Italy, in Idem, Opere, ed. by F. Gavazzeni, Milano-Napoli, Ricciardi, 1974-1981, tomo II, pp. 1403-1562.
  4. P. Giordani, Panegirico ad Antonio Canova, ed. by G. Dadati, introduced by F. Mazzocca, Piacenza, TipLeCo, 2008.
  5. G. Leopardi, Lettera ai compilatori della “Biblioteca Italiana”, in Opere, Milano, Mondadori, vol. II (Prose) ed. by R. Damiani, 1988; or in Idem, Tutte le opere, ed. by W. Binni ed E. Ghidetti, Firenze, Sansoni, 1969, vol. II, pp. 876-882.
  6. G. Leopardi, Discorso di un italiano intorno alla poesia Romantica, ed. by O. Besomi et alii, Bellinzona, Casagrande, 1988; or in Idem, Poesie e prose, Milano, Mondadori, vol. II (Prose) ed. by R. Damiani, 1988.
  7. A. Necker de Staël, Lettera sulla maniera e la utilità delle traduzioni, in Manifesti romantici e altri scritti della polemica classico-romantica, ed. by C. Calcaterra e M. Scotti, Torino, Utet, 1979, pp. 79-92.
  8. E. Visconti, Idee elementari sulla poesia romantica, in Manifesti romantici e altri scritti della polemica classico-romantica, ed. by C. Calcaterra e M. Scotti, Torino, Utet, 1979, pp. 577-637.

CRITICAL ESSAYS

  1. L.M. Crisafulli (ed.) Immaginando l'Italia: Itinerari letterari del romanticismo inglese, Bologna, Clueb, 2002 (see at least the essays by Crisafulli, Domenichelli, Havely).
  2. G. Barbarisi e A. Cadioli (eds), Idee e figure del Conciliatore (Atti del convegno Gargnano del Garda, 25-27 settembre 2003), Milano, Cisalpino, 2004.
  3. R. Abbaticchio, Sulla maniera e l’utilità€ delle traduzioni: spunti di riflessione dalla “Biblioteca Italiana”, in Traduzioni letterarie e rinnovamento del gusto: dal Neoclassicismo al primo Romanticismo, atti del convegno internazionale (Lecce-Castro 15-18 giugno 2005), ed. by B. Stasi, Congedo, Galatina 2006, vol. II, pp. 283-290.
  4. G. Sparacello, Il teatro romantico nel Conciliatore e nella Biblioteca italiana, in «Revue des études italiennes», 52, 3–4 (luglio-dicembre 2006), pp. 163–80.
  5. R. Cardini, Classicismo e modernità: Monti, Foscolo, Leopardi, Firenze, Polistampa, 2010.
  6. G.A. Camerino, Manzoni e altre questioni romantiche (in memoria di Giorgio Petrocchi), in «Critica letteraria», 153, 4, 2011, pp. 670-681.
  7. J. Luzzi, Il romanticismo italiano e l’Europa. Fantasia e realtà nell’immaginario occidentale, Roma, Carocci, 2012.
  8. A. Camilletti, Classicism and Romanticism in Italian Literature: Leopardi’s Discourse on Romantic Poetry, London, Pickering & Chatto, 2013.
  9. P. Borsa e C. Del Vento, Foscolo, Manzoni e la cerchia di Byron: la prima ricezione inglese della Ricciarda e del Carmagnola, in «Cahiers d’Etudes Italiennes», vol. 20, 2015, pp. 139-154.

Specific bibliography:

A personalized bibliography will be identified and proposed to students interested in taking the exam with the seminar mode (see below), and will partially replace the general one indicated above.

Indicazioni per non frequentanti

Gli studenti non frequentanti, o non interessati a sostenere l'esame nella modalità seminariale, dovranno leggere integralmente quattro (4) testi a scelta tra quelli indicati nella Bibliografia di riferimento e le due monografie di Roberto Cardini e Joseph Luzzi nella medesima sezione. 

Non-attending students info

Non-attending students, or students not interested in taking the exam in the seminar mode, must read in full four (4) texts of their choice from those listed in the Reference Bibliography and the two monographs by Roberto Cardini and Joseph Luzzi in the same section.

Modalità d'esame

Modalità seminariale: agli studenti che frequenteranno regolarmente il corso sarà proposto di sostenere l'esame in forma seminariale, prevedendo da parte di ciascuno la preparazione e la presentazione alla classe di un argomento concordato con la docente. L’incontro seminariale si terrà in una data conveniente per il gruppo, presumibilmente nel mese di giugno 2022.

Dopo la presentazione orale ciascun studente presenterà la sua ricerca per iscritto, tenendo conto delle eventuali osservazioni e sollecitazioni ricevute dagli altri membri del gruppo. La relazione non dovrà superare i 15mila caratteri, spazi, note e bibliografia inclusi. Dal primo appello utile dopo la presentazione della relazione l’esame potrà essere verbalizzato dai singoli studenti, previa un breve colloquio orale sugli argomenti più generali del corso.

Modalità frontale: gli studenti non frequentanti o non interessati alla modalità seminariale potranno comunque sostenere l'esame nella forma tradizionale del colloquio orale sui testi e saggi critici indicati nella Bibliografia generale. Tre giorni prima di presentarsi per il colloquio orale gli studenti che hanno scelto la modalità frontale dovranno inviare alla docente, per e-mail (francesca.fedi@unipi.it), una breve relazione (max 8000 caratteri spazi inclusi) che riassuma/dia conto di uno a scelta dei saggi critici indicati nella Bibliografia generale.

Assessment methods

Seminar mode: students who regularly attend the course will be offered to take the exam in seminar form, with each student preparing and presenting to the class a topic agreed upon with the professor. The seminar meeting will be held on a date convenient to the group, presumably in June 2022.

After the oral presentation, each student will present his or her research in writing, taking into account any comments and solicitations received from the other members of the group. The paper should not exceed 15 thousand characters, including spaces, notes and bibliography. From the first useful call after the presentation of the report, the exam can be verbalized by individual students, after a brief oral interview on the more general topics of the course.

Frontal mode: students who do not attend the seminar or who are not interested in the seminar mode can still take the exam in the traditional form of an oral interview on the texts and critical essays indicated in the General Bibliography. Three days before attending the oral interview, students who have chosen the frontal mode must send to the teacher, by e-mail (francesca.fedi@unipi.it), a short report (max 8000 characters including spaces) that summarizes/takes into account one of the critical essays indicated in the General Bibliography.

Altri riferimenti web

La pagina verrà aperta sulla piattaforma Moodle in prossimità dell’inizio dei corsi.

Additional web pages

The page will be opened on the Moodle platform close to the start of the courses.

Note

A ridosso dell’inizio del corso, specie nel caso malaugurato di una nuova chiusura delle biblioteche, la docente provvederà a verificare la disponibilità dei testi e dei saggi in formato eventualmente anche elettronico e ad aiutare gli studenti a reperire la bibliografia critica.

Commissione esaminatrice:

  • prof. Francesca Fedi (sostituto prof. Alberto Casadei)
  • dott. Simone Forlesi (sostituto dott. Miriam Kay)
Notes

In the run-up to the start of the course, especially in the unfortunate event of a new library closure, the lecturer will check the availability of texts and essays in electronic format, if necessary, and help students find the critical bibliography.

Examination Committee:

    Prof. Francesca Fedi (substitute prof. Alberto Casadei)
    Dr. Simone Forlesi (substitute Dr Miriam Kay).

Ultimo aggiornamento 30/07/2022 17:53